in

Scopata in discoteca

Non mi avevano mai scopato sulla pista da ballo, e si sono offerti di farlo senza neanche battere ciglio.

Sono entrata in braccio a due bei ragazzi e due preservativi infilati nel reggiseno.

I ragazzi si distraevano facilmente dai fianchi e dai culi che venivano premuti così strettamente insieme sul pavimento, ma dopo un’ora sono riuscita a tenerli concentrati su di me. Credo che i lunghi baci e una mano sul cazzo mi abbiano aiutato. Ho stretto il mio corpo tra di loro mentre ci muovevamo verso la pista e in pochi minuti ho avuto due cazzi duri contro il mio corpo. Le loro mani si muovevano su e giù per la mia gonna e sempre più sotto di essa, sfiorando la pelle nuda. Mentre baciavo Michael davanti a me, mi è venuto in mente che era uno dei miei unici amici che non avevo avuto modo di scopare. Quando fece scivolare un dito dentro di me lo baciai forte e quasi svenni dall’eccitazione.

Gli ho aperto la cerniera, mentre l’altra cercava i preservativi nel reggiseno. Ne ho passato uno dietro di me e ho raggiunto l’altro davanti. Era duro come una roccia e ho fatto rotolare il preservativo su di lui mentre mi baciava sulla bocca. Mi sono appoggiata indietro e ho baciato Jason sull’orecchio e gli ho sussurrato di tenerlo. Mi ha messo le braccia intorno e mi ha quasi sollevato da terra mentre avvolgevo le gambe intorno al mio amico mai scopato.

Ho gridato forte quando uno è scivolato dentro di me. Jason ha spinto forte dietro di me fino a quando non sono stata premuta saldamente tra di loro con un glorioso grande e impeccabile cazzo duro dentro di me.

Il club era così rumoroso che potevo urlare e gemere quanto volevo, gli altri facevano semplicemente un cenno con la testa nella nostra direzione. Chiusi gli occhi e mi lasciai semplicemente scopare; il mio corpo quasi zoppicava nelle loro mani. Jason stava facendo un bel lavoro e sembrava che stesse usando il mio corpo come un giocattolo. Il suo cazzo è stato premuto duro contro di me.

Non so quante volte si sono alternati, ma so che la stanza ha cominciato a girare, qualcuno che non avevo mai visto prima mi ha baciato lentamente, e non volevo che finisse mai. Quando Michael finalmente arrivò, i suoi baci divennero morbidi e dolci, e io ero contenta che ci fosse stata una prima volta. Quando è arrivato Jason la stanza è diventata nera, e non ho potuto vedere nulla. Quando sono venuta, ho urlato più forte del DJ, e potrei giurare che qualcuno abbia applaudito.

Quando i ragazzi mi hanno lasciato sono andata verso il bar, come se nulla fosse successo.

Un bel ragazzo si avvicina a me: era alto e bello, e quando si è offerto di offrirmi da bere ho sorriso e ho detto: “Prendo un whisky”. Fallo doppio“.

Written by Giovanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il suo culo era mio

Perdere il controllo ad un orgia