in

Perdere il controllo ad un orgia

“Sei pronta?” Ho chiesto a Kelly, una splendida donna matura in cerca di sesso.

“Per cosa?” Kelly rispose, cercando di baciarmi di nuovo.

“Per questo”, dissi, tirandomi via la camicia sopra la testa. Lei ansimò, ma non mi fermò. La lasciai cadere a terra dietro di lei e spostai i miei baci fino al suo seno, succhiando il suo capezzolo sinistro nella mia bocca e facendo scorrere la mia lingua su di esso. L’ho leccata e l’ho succhiata mentre i suoi gemiti crescevano più forte e i sussurri intorno a noi erano frenetici.

Senza aspettare ha raggiunto il mio cazzo e con la sua mano ha premuto forte contro. La coppia accanto a noi era sdraiata, e potevo vedere le mani sotto i vestiti e la pelle che cominciava a comparire lentamente. Ho avuto un sussulto quando Kelly ha tirato fuori il mio cazzo, ma l’umore nella stanza era cambiato in un istante. Quando è scivolata sul pavimento, prendendolo in mano e attirandolo nella sua bocca, abbiamo avuto improvvisamente almeno sei persone che ci guardavano. Lo ha succhiato in gola e improvvisamente la gente si spogliava intorno a noi.

“Fanculo”, mi dirigo dal divano accanto a noi, e un paio di mutandine di pizzo nero atterrano sul cuscino accanto a me. Ho guardato sopra mentre Kelly succhiava il mio cazzo per guardare un tizio che non conoscevo aprire le gambe della sua compagna e seppellire la sua bocca contro di lei sotto la sua gonna. I suoi gemiti erano molto più forti dei miei, ma non sembrava avere importanza. Mentre le succhiava la figa, si è avvicinato sempre più a me sul divano, fino a quando la sua testa era quasi contro la mia coscia, ed è stato solo allora che mi ha guardato in alto, i suoi occhi si sono illuminati di piacere.

“Voglio scoparti”, sussurrai a Kelly, tirandole giù i pantaloncini alle ginocchia. “Proprio qui. Mentre loro guardano”.

“Qualsiasi cosa”, disse. “Farò tutto quello che vuoi.”

La ragazza accanto a me guardò attentamente mentre Kelly si sedeva di nuovo su di me, e i suoi occhi erano incollati al mio cazzo mentre una piccola mano lo guidava dentro la sua fica rasata.

“Porca puttana godo”, la ragazza gemeva, tirando la testa del tipo più forte tra le cosce.

Quando ho guardato indietro c’erano un paio di ragazzi in piedi intorno al divano, che si aggiustavano il cazzo attraverso i pantaloni e ci guardavano scopare. Quando il mangiatore di figa vicino a me è scivolato su e ha iniziato a scopare, mi sono reso conto che la festa era ufficialmente cambiata. Ho guardato intorno alla stanza per vedere la gente che si baciava, si spogliava e palpeggiava. Anche la barista aveva perso la sua canottiera.

“Posso guardare?” chiese il ragazzo più vicino a noi. Kelly alzò lo sguardo, e senza dire una parola allungò una mano e gli afferrò il cazzo attraverso i pantaloni. Gli ha sbottonato i jeans senza nemmeno guardarlo, e un secondo dopo stava masturbando con uno sconosciuto mentre mi scopava, gemendo più forte che mai.

“Fallo” le ho detto, sapendo che probabilmente l’avrebbe fatto comunque. “Lo sai che lo farai, piccola troia. Fallo e basta”.

Gemeva mentre si chinava e se lo prendeva in bocca, ma lui non si lamentava. Le sue dita erano avvolte intorno a lui, masturbandolo mentre gli faceva un pompino, e io chinandomi in avanti le ho succhiato le tette. Sentii una mano sulla coscia mentre la ragazza accanto a me inarcava la schiena e sollevava i fianchi, portando il suo partner più in profondità dentro di lei…

Written by Giovanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopata in discoteca