in

L’amico di mia moglie

Mia moglie ed io siamo sposati da dieci anni, quando eravamo fidanzati due anni prima del nostro matrimonio, lei lavorava per un hotel nel servizio clienti. È qui che ha incontrato questo suo amico che lavorava lì anche come appaltatore, questo tizio è il mio peggior incubo perché anche se sapeva che si stava per sposare non gli importava, la voleva, lo so perché me l’ha detto lei. Ero così geloso e arrabbiato, ma lei è rimasta comunque sua amica.

Un giorno mi ha detto che doveva andare in una città vicina per un allenamento di 3 giorni, io l’ho vista come un’opportunità per dormire da un mio amico per un paio di notti, ubriacarmi e giocare ai videogiochi, è stato come un addio al celibato. Ma non mi sentivo a mio agio sapendo che era così lontana da me, una sera ho chiamato ma lei non ha risposto, così ho continuato a chiamare e chiamare finché non ha risposto. Quando ha risposto al telefono sembrava che la stessero scopando, ma ha cercato di nasconderlo, ha riattaccato subito. Ero sconvolto ma non ero sicuro di essere paranoico, quando è tornata sono andato a trovarla e lei aveva un succhiotto sul collo che ha cercato di nascondere, abbiamo discusso su cosa fosse e io, essendo io l’ingenuo che sono, ho accettato la bugia che mi ha detto. Alla fine ci siamo sposati e abbiamo litigato un paio di volte per la sua amicizia con questo tizio, finché lei non ha deciso di togliergli l’amicizia.

Le cose andavano bene tra noi ed ero felice, ma di tanto in tanto la mia mente si imbatteva in quel ricordo di lei che ansimava come se fosse stata scopata al telefono. Anni dopo, dopo il matrimonio e il figlio che voleva lavorare di nuovo, a cinque anni nostro figlio ha trovato lavoro in una compagnia di noleggio auto all’aeroporto. All’inizio le ore andavano bene e io la lasciavo cadere e la riaccompagnavo a volte fino a quando non doveva fare dodici ore di turno durante il giorno e, alla fine, durante la notte, è a questo punto che questa storia ci portava.

Ho ricevuto un’e-mail da un mittente sconosciuto che si è identificato come vecchio amico di mia moglie e mi ha detto questo: ha scoperto che mia moglie lavorava all’aeroporto e andava a trovarla e a volte pranzava con lei, un giorno è andato a trovarla quando doveva fare un turno dalle 17:00 alle 5:00, queste notti non riuscivo a dormire bene sapendo che era fuori al lavoro. Mi disse che l’aveva portata a fare una passeggiata durante la pausa verso il parcheggio ed era ubriaco. Ha afferrato mia moglie Kelly e ha iniziato a baciarla afferrando le sue tette: Donald (il suo nome) ha detto che lei ha resistito all’inizio ma non riusciva a trattenerlo, così lei ha iniziato a baciarlo di nuovo e lui le ha afferrato il culo e la fica. Poi ha detto che si lasciava andare a guidare e sapendo che lei doveva tornare al lavoro ha deciso di andare con lui, sono andati in un bar e hanno bevuto un paio di drink dicendole quanto mi odia e vuole scoparla così tanto tra le altre conversazioni standard, ma avrebbe sempre tirato fuori il suo sentimento verso di lei e verso di me. Dopo qualche drink, lei gli ha detto che le sarebbe piaciuto tornare al lavoro, ma lui ha un modo di dire che avrebbe fatto qualcos’altro e a lei non importa. Sono saliti in macchina e se ne sono andati, ma non sono tornati all’aeroporto, lui è andato in una casa per gli ospiti. Donald mi ha detto che lei ha scosso la testa e ha detto che voleva tornare al lavoro, ma anche se ha detto di essere andata comunque nella casa degli ospiti con lui.

Ha detto che appena sono entrati nella stanza e ha chiuso a chiave la porta si è trasformata nella sua puttana del cazzo, si è tolto con forza i vestiti e non si è preoccupato dei preliminari, perché tutta la notte sono stati preliminari. La afferrò per la testa e la spinse verso il suo cazzo duro, non le disse nemmeno di succhiare, lei cominciò a succhiare il suo cazzo come una puttana affamata di cazzo, Kelly era la sua puttana e voleva che lo sapessi.

Una volta che il suo cazzo è stato succhiato abbastanza, la tirò per i capelli e la gettò sul letto a faccia in giù, tirò la vita in su e speronato il suo cazzo nella figa, cominciò a scopare mia moglie duramente e ruvida, lei gemette e urlò e supplicò per saperne di più chiamando il suo nome Donald. Dopo la pecorina ha detto che la fece sdraiare sul letto mentre era in piedi e se la scopava ancora di più, le sue grosse tette saltavano e rimbalzavano dappertutto rendendolo ancora più duro. Lei si divertiva ad essere la sua puttana mentre lui se la scopava, la chiamava la sua puttana, la sua puttana, il suo giocattolo da scopata e lei lo pregava di continuare a chiamarla così.

Lui le ha detto che voleva venire nella sua fica e lei ha detto di no, ma la persona Donald è che lui fa quello che vuole, lui continuava a scoparla in questa posizione dandogli l’orgasmo fino a quando non ha rotto il suo grosso carico dentro la sua figa che lei continuava a scopare e la tirava su per i capelli baciandola grossolanamente e succhiandole il collo lasciando un enorme succhiotto, lui ha detto che era per me e hanno riso. Si sono vestiti e lui è tornato al lavoro, ha continuato a dirmi che lo fanno regolarmente e voleva che sapessi che mia moglie era la sua troia.

Quando ho letto il messaggio mi è venuto duro e mi sono masturbato pensando a tutta la faccenda, non ho mai interrogato mia moglie né le ho detto della mia email e lei continua a farmi credere che lei e Donald non sono più amici, ora mi masturbo continuamente pensando a come lui se la scopa e ora so che se la scopava quando eravamo al telefono qualche anno fa.

Written by Giovanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un occhio nero e due lingue sul suo cazzo

La mia eccitante esperienza a tre